Restauro divani Chesterfield

 

Restauro divani Chesterfield

18/06/2018 - RESTAURO DIVANI CHESTERFIELD: BARATTI ANTICHITA' DA PIU' DI 50 ANNI METTE PASSIONE E PROFESSIONALITA' AL VOSTRO SERVIZIO

Immortalati da innumerevoli dipinti, immagini e pellicole cinematografiche, i divani Chesterfield grazie alle loro caratteristiche sono sia il punto di forza di un arredamento in stile classico, che l'esaltazione di un ambiente in stile moderno. Scopriamo il perchè.



Partiti dalle case dell'alta aristocrazia inglese e dai club londinesi, i divani Chesterfield si sono diffusi negli ultimi secoli ovunque, arrivando ad essere immediatamente riconoscibili in qualunque ambiente essi si trovassero, fosse un'illustrazione di un libro di Sherlock Holmes, uno studio di uno psicologo di inizio 1900 o un set cinematografico degli anni '60. Ma per quale motivo sono così gradevoli alla vista da diventare simboli che trascendono il tempo?



La forza della tradizione



I divani Chesterfield nascono per risolvere tutta una serie di "problemi" che presentavano le sedie o le poltrone dell'epoca: per cui si può affermare che gli studi che hanno portato alla loro nascita, la creazione ed il miglioramento delle tecnologie di costruzione e di restauro, hanno permesso nel corso dei decenni di affermarsi come il divano definitivo.

I problemi risolti dai divani Chesterfield che all'epoca della loro nascita affliggevano le altre suppellettili, sono stati superati brillantemente. In modo così netto che tutt'ora nel confronto tra un Chesterfield ed un divano o una poltrona "normale" in diversi aspetti il primo si dimostra ancora superiore. Andiamo ad analizzarli nel dettaglio, per capire come mai noleggiare un divano Chesterfield per l'allestimento di una mostra o di un museo, la realizzazione di un video promozionale o cinematografico, l'inaugurazione di un locale o altri eventi di questo genere sia la scelta vincente.



Funzione di arredamento



Alla loro nascita l'utilizzo dei mobili per contraddistinguere lo stile di un'abitazione o di un luogo pubblico erano agli albori, ed i divani Chesterfield furono un elemento di clamorosa novità nel panorama del 1700-1800. Al giorno d'oggi ovviamente abbiamo alle spalle secoli in cui la funzione di arredamento di ogni elemento presente in una stanza, sia essa di un'abitazione privata o di uno spazio pubblico, si è sviluppata ed ha raggiunto lo stato di arte. Ma anche nel 2018, grazie al loro stile ormai entrato nell'immaginario collettivo, basta la presenza di divani Chesterfield all'interno di un locale o di un salotto per conferire a quell'ambiente tono e prestigio classici.



Praticità e funzionalità



Fino al 1700 la maggior parte delle sedie e delle poltrone prevedeva la presenza massiccia di legno, e per gli schienali o per i sedili nelle occasioni in cui questi venivano ricoperti si faceva solitamente uso di rasi, sete o altre stoffe solo talvolta imbottite, che creavano tutta una serie di problemi relativi alla pulizia ed alla durata di vita di certi componenti delle sedie. Con l'avvento della pelle, di cui i divani Chesterfield furono i principali promotori, molti di questi problemi scomparvero e la durata di vita di tali prodotti si innalzò notevolmente. Grazie alle più moderne tecnologie:

- di lavorazione della pelle;

- dei detergenti per la pulitura della stessa;

- della composizione della gommapiuma delle imbottiture;

- della realizzazione della struttura portante in legno

Quando un divano Chesterfield viene restaurato, è possibile garantire un'ulteriore durata di vita dello stesso almeno pari agli anni già passati, rendendolo enormemente superiore ai divani "standard".



Comodità migliorando l'estetica



La sconvolgente novità di un divano comodo su cui sedersi travolse la tradizione di quelle che di fatto erano sedie e seggioloni di ridotta praticità, in cui il legno visibile la faceva da padrone; mentre nel divano Chesterfield la struttura lignea è celata dalla pelle che avvolge morbidamente chi vi si siede. Un altro elemento positivo di novità rappresentato da tale modello di divano fu la postura di chi lo utilizzava: grazie all'altezza coincidente tra schienale e braccioli la possibilità di posizionarsi su un divano in cui anche dopo ore il corpo si trovava in una posizione comoda fu salutata con entusiasmo. Lo stesso problema si può ripresentare al giorno d'oggi, dato che la ricerca estrema del design spesso origina sedie o mobili gradevoli alla vista ma pressoché inutilizzabili per periodi medio-lunghi. Il divano Chesterfield può quindi fungere contemporaneamente da fiore all'occhiello dell'armonia di una stanza il cui arredamento è composto solo da mobili antichi, così come da elemento di rottura con un arredamento moderno, ma mantenendo coerenza con la linearità moderna grazie alle sue forme.



Omogeneità ed armonia



Una delle problematiche affrontate e battute con successo grazie alla nascita dei divani Chesterfield era che col passare del tempo le controparti quali sedie e poltrone varie perdevano la loro perfezione nel momento in cui l'imbottitura si rovinava a causa dell'usura del tempo, o quando uno degli elementi visibili quali le gambe o lo schienale venivano accidentalmente urtati o danneggiati. Ciò nel divano Chesterfield semplicemente non può accadere. La presenza di bottoni equidistanti non è solo una scelta estetica, ma una regola ben precisa per assicurarsi che si mantenga un tensionamento perfetto dell'imbottitura, evitando che questa si sposti causando un'imperfezione visiva che può risultare anche in una perdità di comodità.



Posizione ergonomica



Questo è un tratto che contraddistingue i divani Chesterfield dalla loro origine, ma che risulta addirittura prominente oggi. Rispetto ad altri divani o poltrone che non garantiscono una postura ideale per ogni utilizzatore, e che anzi richiedono l'apposizione di elementi secondari quali ulteriori cuscini, necessità di modificare altezze o sedute, e simili, artifizi che non solo non risolvono i problemi ma rischiano di causarne di nuovi, i Chesterfield garantiscono una posizione ottimale per diverse attività.

L'altezza delle sponde in particolare consente la lettura di un giornale o di un libro poggiando le braccia in modo naturale, senza che il peso del libro gravi su di esse, o senza richiedere spostamenti del collo o della colonna vertebrale per posizionarsi in linea con esso. Allo stesso modo è possibile mantenere tale postura per bere un liquore, fumare un sigaro o sostenere una conversazione dopopranzo con tutta la rilassatezza e la tranquillità possibili.

Ne consegue che i divani Chesterfield hanno rappresentato la soluzione ideale per club, studi e biblioteche inglesi, da cui la loro rapida diffusione negli ambienti che ormai vengono immediatamente in mente quando vediamo uno di questi divani. Ed ancora oggi sono perfetti per chi possiede un locale pubblico in cui si possa tenere una sala da lettura, o una sala da degustazione, una registrazione di un programma televisivo, una sala d'attesa o qualunque altro evento che richieda e consenta a chi vi partecipa di mantenersi un posizione seduta per la propria attività.



Una disponibilità quasi infinita



Presso Baratti Antichità abbiamo centinaia di divani Chesterfield ed altri mobili o pezzi d'arredamento che traggono la loro forza dalla loro classicità, ma che risultano vincenti anche in un ambiente moderno.

In particolare riguardo ai divani Chesterfield ne abbiamo di ogni tipo e dimensione, sia nei colori più classici quali il rosso-bruno tradizionale, che il verde intenso di maggior diffusione più recente. Grazie alle centinaia di pezzi nei nostri magazzini e laboratori, ed alle decine di allestimenti, mostre e palazzi in cui i nostri divani sono diventati protagonisti, possiamo consigliare la soluzione migliore per le tue esigenze.

Se vuoi avere maggiori informazioni sui nostri divani Chesterfield o sul nostro servizio di noleggio (maggiori informazioni in questa pagina https://www.barattiantichita.it/noleggio_divani_eventi_moda_fiere_teatro.htm ) non esitare a contattarci!

Leggi altri post